Le prime reazioni sono state di due tipi.

La sorpresa e l’emozione di constatare una vicinanza, una partecipazione, una solidarietà per L’Incontro inaspettate. La conferma che siamo sulla strada giusta, quella iniziata dal nostro fondatore 70 anni fa.

Una strada irta di difficoltà e di rischi ma con un valore assoluto e non negoziabile da difendere a tutti i costi: la libertà di stampa.

Il diritto di poter esprimere le proprie opinioni, i propri dubbi, le proprie preoccupazioni per fenomeni o modelli che possono mettere in crisi la nostra democrazia, conquistata con sacrifici e lutti non dimenticabili.

Grazie dunque a tutti quelli che ci sono vicini in un momento importante della nostra testata: garantiamo a tutti che, nei nostri limiti, cercheremo di seguire sempre la grande lezione che ci ha insegnato Bruno Segre.

Non bisogna mai arrendersi quando si combattono delle battaglie giuste!

La redazione

*Nella foto, Bruno Segre e Riccardo Rossotto

Redazione

Redazione

La redazione de L'Incontro