Si  meritava di più!
Ha trascorso la vita a scuotere le nostre coscienze.
A farci riemergere, magari anche per un solo istante, dal nostro miope materialismo egoistico.
Non aveva una ideologia.
Non si appiattiva mai dietro una bandiera, un simbolo, una conventicola, un partito … salvo quello Radicale.
E’ vero – disse in una intervista a Francesco Merlo – non credo nelle ideologie codificate. L’ideologia te la fai tu con quello che ti capita, anche a casa”.
Le sue battaglie furono innumerevoli, tutte pacifiche: è quasi impossibile elencarle tutte.
Ripensandole ora, le troviamo ancora modernissime e attuali, spesso visionarie, a volte ancora da combattere.
Potevi non condividerle ma non potevi non ascoltare la sua voce, anche nei suoi lunghissimi e, a volte, complessi e imperscrutabili monologhi, comunque “contro”.
La storia di questa testata è intrisa e profuma del suo pensiero.
La sinistra partitica che lo ha combattuto e respinto quasi sempre, oggi nel vuoto e nell’angoscia di non saper come riconquistarsi un ruolo e una posizione politica vincente in un mondo a rischio di derive populiste e fasciste, dovrebbe semplicemente aprire, o meglio riaprire, la sua “cassetta degli attrezzi” e mettere in fila gli argomenti.
Troverebbe l’agenda per ritornare a rivestire un ruolo di riferimento per le battaglie civili, per la difesa dei diritti individuali, per puntare ad una uguaglianza vera e voluta da tutti e per tutti.
Marco Pannella è morto cinque anni fa, il 19 maggio 2016, a 86 anni, con un corpo straziato da mille digiuni, da centinaia di pacchetti di Gitanes senza filtro, da una vita divorata sempre a mille all’ora.
L’anniversario della sua morte è passato quasi sotto silenzio.
Un peccato e una colpa.
Si meritava di più e ci avrebbe fatto bene parlare di lui, delle sue idee, delle sue battaglie.
Per me, anche non condividendo sempre il suo pensiero, Giacinto Pannella detto Marco è stato una specie di coscienza critica fondamentale in un Paese conservatore, tendenzialmente “bacia pile”, innamorato più della furbizia che della serietà.
Pannella è stato un uomo libero, in grado di lacerare il politically correct, sbattendoci in faccia le tragiche contraddizioni del mondo che ci siamo costruiti intorno.
Abbiamo il dovere e la responsabilità di ricordarle di più e meglio soprattutto ai giovani.
Senza troppa retorica e al netto di toni da “coccodrillo” del giorno dopo la morte (non gli piacerebbe, per nulla!).
Dobbiamo farlo con lucidità e rude franchezza critica ma anche con gratitudine, grande gratitudine civile e civica.
Il nostro Paese gli deve molto.

Riccardo Rossotto

Riccardo Rossotto

Riccardo Rossotto

"Per chi non mi conoscesse, sono un "animale italiano", avvocato, ex giornalista, appassionato di storia e soprattutto curioso del mondo". Riccardo Rossotto è il presidente dell'Editrice L'Incontro srl

Discussione

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *