Salvatore Garau, contemporary artist, musicista, scrittore e regista, conosciuto anche come opinionista dai lettori de “L’Incontro”, ha piazzato il top lot alla 4-U new Arte. Lultima battuta italiana d’asta di arte contemporanea si è tenuta presso l’auction house milanese Art-Rite. Dopo aver stabilito il proprio record d’asta lo scorso 12 ottobre, con la scultura invisibile “Davanti a te”, l’artista sardo piazza questa volta una sua opera “fisica” al primo posto, nella seduta del 14 aprile di Art Rite, auction house leader in Italia nella contemporary art.

Il dipinto di dimensioni contenute, si intitola “Fotogramma viola con verde che detta ordine”. Si tratta di un acrilico su tela, di cm. 60×60, del 2015, aggiudicato per 11.130 euro.
L’opera ha superato ancora un lavoro di Maurizio Cattelan (secondo con “Peep show 85”, venduta a 6.700 euro). Al terzo posto si è classificata “Gloutton” (with flourishes), di Shinique Amie Smith, con 6.000 euro.

Nel 2021, per la prima volta nella storia (a quanto è dato sapere) due opere non materiali, entrambe di Salvatore Garau erano state presentate e vendute in un’asta pubblica ufficiale, come fossero un lotto “fisico”. Oltre che di “Davanti a te”, si è trattato di “Io sono”, aggiudicata per quasi 15 mila euro. Garau è stato così tra gli artisti più seguiti dai media e livello mondiale. Al tema, ha dedicato anche un articolo su L’Incontro “L’assenza delle mie sculture è una presenza che turba” (https://www.lincontro.news/lassenza-delle-mie-sculture-e-una-presenza-che-turba/).

Un successo che ha spinto Sotheby’s, lo scorso 10 aprile, a proporre una scultura invisibile “Zone de sensibilité picturale immatérielle”, realizzata nel 1959 da Ives Klein. L’opera del Maestro del blu è stata aggiudicata per oltre 1 milione di euro. Come per i due lavori immateriali di Salvatore Garau, di “fisico” l’acquirente si è aggiudicato il certificato di garanzia.

 

 

Redazione

La redazione de L'Incontro