fbpx
Home Diritti e Doveri 90 anni di Concordato – Appello per la revisione

90 anni di Concordato – Appello per la revisione

In occasione del 90° anniversario dei Patti Lateranensi dal Convegno “Oltre il Concordato” è partito un "Appello per la revisione del Concordato”

-

In occasione del 90° anniversario dei Patti Lateranensi, il 5 febbraio 2019, si è tenuto un Convegno “Oltre il Concordato” organizzato dalle Associazioni “Luca Coscioni”, UARR, Associazione Nazionale del Libero Pensiero “Giordano Bruno”, Fondazione Critica Liberale.

E’ stato diffuso il seguente “Appello per la revisione del Concordato”.

La revisione del Concordato derivante dall’accordo Craxi-Casaroli del 1984 introdusse, almeno sulla carta, quattro importanti novità:

  1. la religione cattolica non era più la religione di Stato
  2. il suo insegnamento nella scuola statale aveva carattere facoltativo
  3. nelle questioni di diritto familiare lo Stato rivendicava una propria autonomia
  4. il finanziamento diretto della chiesa da parte dello Stato (congrua) veniva sostituito dall’autofinanziamento da parte dei fedeli grazie al meccanismo dell’8 per mille

Le scelte politiche degli anni successivi — anche dello stesso governo Craxi — si mossero però in direzione opposta, riportando in essere i privilegi accordati nel 1929. Con queste conseguenze:

  • La religione cattolica è rimasta “religione di Stato” nel sentire e soprattutto nei comportamenti della nostra classe politica (per non dire del “servizio pubblico radiotelevisivo”)
  • Il suo insegnamento è tuttora di fatto “obbligatorio”, per la casualità delle alternative. Ed è scandaloso che lo stipendio dei suoi insegnanti sia a carico dello Stato e che essi entrino nei ruoli della scuola senza concorso, con l’impegno a trovar loro un’altra collocazione nel caso la Chiesa — che li designa — ritiri loro la sua legittimazione
  • Le gerarchie ecclesiastiche continuano ad invadere la sfera della politica italiana e non solo nelle questioni di diritto familiare
  • L’abolizione della congrua è stata più che compensata dal meccanismo dell’otto per mille e dai criteri arbitrari con cui viene eseguita la ripartizione della quota “non destinata” dai contribuenti (circa la metà del totale)

A 90 anni dalla firma del Concordato, chiediamo tre provvedimenti urgenti per dare almeno attuazione alla revisione del 1984:

  • Abolizione dell’ora di religione
  • Revisione degli attuali criteri per la ripartizione della quota (circa il 50%) dell’8 per mille “non destinato”, che privilegiano nettamente la Chiesa Cattolica
  • Revisione delle norme relative all’IMU sui beni immobili della Chiesa e azione determinata per dare attuazione alla recente sentenza della Corte Europea, recuperando nella misura del possibile l’ICI non pagata in passato (4-5 miliardi di euro)

Tre provvedimenti “facili” in attesa di trovare le soluzioni giuridiche e le condizioni politiche per rimettere profondamente in discussione il Concordato, così da ridurre l’ingerenza del Vaticano nella politica italiana, volta ad impedire la conquista di nuovi diritti civili.

L’Appello può essere sottoscritto sul sito dell’UAAR, Unione degli Atei e degli Agnostici Razionalisti.

Foto ripresa dal sito dell’UAAR

Tempo di lettura stimato: 2 minuti

Redazione
La redazione de L'Incontro

Tempo di lettura stimato: 3 minuti